Copyright 2019 - Custom text here

Indice articoli


MA IN QUALE MISURA LA SARDEGNA  E' OCCUPATA DAI MILITARI?

La Sardegna ha una superficie terrestre di 2.408.900 ettari. Di questi, ben 187.000 risultano essere in mano ai militari. Una superficie pari a circa il 7,8% dell'intero territorio. La Sardegna ha uno sviluppo costiero di 1.849 Km., di cui il 20% circa cioè 360 Km., sono spiagge. Qui non è possibile ricavare dati esatti, neppure facendo il conteggio delle aree interdette alla pesca e alla navigazione. Si può dire che, a parte1 360 Km. di spiaggia accessibili normalmente alla popolazione, dove si può svolgere attività turistica o di pesca, ci sono 1.490 Km. di coste che i militari usano a loro piacimento - e ciò anche quando non siano specificatamente interdette all'uso civile. Sulla occupazione e utilizzazione militare delle coste, vedremo più dettagliatamente nella mappa allegata.
Per quel che concerne lo spazio aereo, l'unico spazio consentito al traffico civile è quello quasi lineare descritto sulla carta geografica da una «y», con il piede a Cagliari Elmas e le estremità delle due  braccia, una ad Alghero e la altra a Olbia.
Si è accennato al fatto che le basi militari, comprese quelle di uso «temporaneo», comportano sempre numerose «servitù», ovvero limitazioni, anche pesanti, alla organizzazione delle comunità civili e al loro sviluppo; non soltanto all'interno, ma anche all'esterno del territorio «effettivamente» occupato.
Pertanto, quando si parla di basi militari, bisogna tenere presente nella valutazione delle superfici militarizzate e nei condizionamenti relativi, tre distinti livelli:
a) superfici occupate permanentemente ed esclusivamente dai militari per loro usi specifici;
b) superfici non permanentemente occupate dai militari ma permanentemente interdette ai civili. Sono queste di solito le superfici cosiddette di «sicurezza» intorno alle basi o ai poligoni o ai centri di addestramento o alle polveriere o a qualunque altro impianto, anche non pericoloso;
c) superfici non permanentemente occupate dai militari e temporaneamente interdette ai civili - si tratta di aree usate per esercitazioni «stagionali».

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.